20/06/2020

Quanti nuovi positivi derivano da tamponi effettuati a seguito di test sierologici?

Un primo confronto tra Lombardia, Piemonte e Emilia Romagna. Il grafico riporta i valori percentuali, per avere i dati assoluti cliccare sul link “Scaricare i dati” presente nel grafico.

E cosa succedeva in Lombardia prima del 12 giugno? Purtroppo i dati a disposizione sono pochi e imprecisi ma è possibile tentare una stima grazie alle note di Lombardia Notizie.

Il 14 aprile la Regione annunciava la partenza della campagna di test sierologici: “Per primi in Italia inizieremo i test sierologici con prelievo ematico. Iniziamo il 21 aprile partendo da coloro che devono rientrare a lavorare”.  Un bilancio dei test sierologici veniva pubblicato il 12 giugno: “Regione Lombardia ha effettuato ad oggi 264.024 prelievi ematici a 161.695 cittadini e 102.329 operatori. Gli esiti di questi test sierologici hanno evidenziato uno stato di positività per 41.250 cittadini e 13.402 operatori. Poco meno del 10% dei cittadini positivi al test [sierologico] lo è anche al tampone. Per gli operatori, la positività è confermata nell’1% dei casi”

Nel periodo 21/4-12/6 sono stati comunicati 23273 nuovi positivi. Di questi circa 4260 sono risultati positivi al tampone in seguito al test sierologico positivo, e sono quindi pari al 18% dei nuovi positivi individuati nel periodo 21/4-12/6.

Da segnalare che su Lombardia Notizie non sono presenti informazioni dettagliate che consentano di distinguere i test sierologici effettuati privatamente da quelli effettuati attraverso lo screening pubblico regionale. L’unico dato sui test effettuati privatamente è del 27 maggio e riguarda “168 tamponi effettuati a seguito di test sierologici fatti su iniziativa dei singoli cittadini processati dall’Ats di Bergamo negli ultimi sette giorni”.

UPDATE [8 Agosto]: Dal 25 giugno la provenienza dei nuovi casi positivi per Piemonte e Emilia Romagna è diventata incerta in seguito all’adozione del criterio nazionale di identificazione “nuovi casi provenienti da screening” che non corrisponde esattamente ai nuovi positivi individuati a seguito di positività al test sierologico. Soltanto Regione Lombardia nel portale Lombardia Notizie ha continuato a indicare con precisione i nuovi casi positivi derivanti da positività al test sierologico.